DI LUCI E DI OMBRE, il cortometraggio

Il viaggio di Melissa e Nicola è il viaggio di tutti quelli che camminano tra luci ed ombre, su una linea di confine che non hanno l’ardire di oltrepassare perché convinti di non essere degni di farsi comprendere dagli altri nella propria diversità.

“Di luci e di ombre”, è questo il titolo del cortometraggio  che ha vinto il premio Audience Award 2015 sezione 14/20 al MyGIFFONI, concorso nazionale organizzato da Giffoni Experience riservato alle scuole e alle organizzazioni di volontariato. Il cortometraggio, realizzato dal Centro di Riabilitazione Neuromotoria ANTARES di San Marco Evangelista, nell’ambito del progetto PROMETHEUS di terapia occupazionale, con la collaborazione dell’Associazione Sant’Antuono & le Battuglie di Pastellessa e del gruppo Carro ‘e vascio ‘o vasto di Macerata Campania e il patrocinio della Regione Campania, è stato premiato nel corso della 45easima edizione del Giffoni Film Festival che si è svolta dal 17 al 26 luglio 2015 a Giffoni Valle Piana in provincia di Salerno. Le votazioni, svolte sul sito web del Giffoni Film Festival dal 22 maggio al 4 giugno 2015, hanno decretato una classifica che ha visto il cortometraggio con il 28,40% dei consensi.

Uno degli obiettivi che si pone il cortometraggio è quello di sensibilizzare gli spettatori e creare un punto di riflessione su problematiche che a volte agli occhi dei tanti sembrano nascoste. «Ognuno di noi, durante il proprio cammino, – spiegano i responsabili del Centro ANTARES – si trova ad affrontare delle difficoltà che rappresentano gli ostacoli della vita; contrasti che fanno sentire come sospesi… tra luci ed ombre. Partendo da queste inevitabili crepe il Centro ANTARES ha elaborato una opportunità per una cavalcata sui pensieri e sulle riflessioni di tutti i ragazzi che partecipano al percorso di laboratorio teatrale e che vengono rappresentati dai due protagonisti del cortometraggio. Insieme a loro hanno iniziato un viaggio che vedrà affiorare delle problematiche nascoste, come i segreti scritti in un piccolo diario la cui chiave è sotterrata nei meandri della loro anima. Il loro viaggio è il viaggio di tutti quelli che si sentono sul ciglio di una porta che non hanno l’ardire di oltrepassare, perché insicuri e al tempo stesso convinti di non essere degni di potersi far capire dagli altri. E allora davvero ci sono delle domande alle quali nessuno osa rispondere… e a noi piace pensare che con questo viaggio riusciremo non a dare delle risposte, ma ad accendere il fuoco della curiosità e della voglia di provare ad oltrepassare quella porta dove si incontrano i propri limiti».

L’ambientazione è quella di una festa di compleanno, in cui i due giovani protagonisti, pazienti del Reparto di Terapia Occupazionale del Centro ANTARES, come in un sogno si ritrovano su di un Carro di Sant’Antuono. I bottari di Macerata Campania, con la loro “musicoterapia” fatta a colpi di botti, tini e falci sul brano “Senza paura” interpretato da Giovanni Trotta e Luigi D’Addio, riescono a trasferire ai protagonisti le giuste emozioni e a dare loro la sicurezza per provare ad oltrepassare quella porta dove si incontrano i propri limiti. «Ogni scena non è stata semplicemente girata, ma elaborata in base al vissuto del paziente – commenta così la dott.ssa Renata Ricci, regista del cortometraggio – fotogramma per fotogramma emerge, quindi, la voglia di valicare limiti e paure». «Siamo stati molto felici di collaborare nella realizzazione di questo cortometraggio – commenta così l’ing. Vincenzo Capuano segretario dell’Associazione Sant’Antuono & le Battuglie di Pastellessa – la nostra Associazione è molto attenta a queste tematiche e ci preme ringraziare i tanti che hanno espresso il loro voto a favore del video».

“Di Luci e Di Ombre” – Concorso MyGIFFONI SEZIONE 14-20 ANNI.
Condividi su: